Challenge Yourself: Whole30

whole-30-cheat-sheetLa prima volta che ho letto su internet il termine Whole30 mi sono subito venute in mente quelle riviste stile Starbene e Novella2000 in cui puntualmente, prima di ogni estate, spuntano nuove diete e detox come fossero funghi. Niente di più sbagliato!

The first time I read the name Whole30 I immediately thought about those 1 month / 3 days diets that pop up on newspapers and magazine right before the Summer. I was wrong!

Poco tempo prima, circa Febbraio dello scorso anno, Anna mi aveva dato una convincente e brillante delucidazione sui benefici del mangiare in stile Primal (Approfondirò questo argomento in futuro ma se volete una prima introduzione al tema leggete qui) e, un pò spinta dalla curiosità, un pò dal fatto che il mio rapporto con il cibo é sempre stato disastroso, avevo deciso di provare ad adottare anche io questo stile di vita.

A few time before, around February 2015, Anna gave me a brilliant and persuading introduction on the benefits of the Primal diet (I will give more details in the future but if you are curious you can read here.) and, pushed by curiosity and by the fact that my relationship with food has always been disastrous, I decided to try.

11134139_10153169680561154_4918305032054907846_o

Me and Anna

Un mese dopo ero totalmente convinta che, nonostante i tagli sui cibi consentiti ed i sacrifici affrontati per imparare a rinunciare a quelli che erano alcuni degli elementi stabili dei miei pasti quotidiani, mangiare in stile Primal mi stava facendo sentire bene, piú leggera, piú energetica, piú pulita.

A month later I was totally convinced that, besides the cuts on allowed food and the sacrifice to learn to give up some of the things that were a big part of my regular meals, eating Primal style was making me feeling great, lighter and cleaner.

A quel punto sembrava chiaro che sia io che Anna eravamo pronte a testare quanto in là ci si potesse spingere nel mangiare sano e disintossicarsi, senza contare che avevo smesso di fumare da poco ed ero motivata ad evitare ricadute. Ecco dunque che navigando in rete alla ricerca di ricette Primal ci siamo imbattute nella Sfida Whole30.

It was clear that both Anna and me were ready to test how far we could push ourselves in healthy eating and detox, besides I just quit smoking so I was highly motivated to avoid any step back. Browsing the Internet looking for Primal recipes we got to now the Whole30 Challenge.

In breve, Whole30 é un programma di rabilitazione ormonale: i nostri ormoni sono costantemente sottoposti a massicce dosi di zuccheri, carboidrati complessi, alcohol, etc. che ne alterano la perfetta funzionalità. Da qui derivano numerosi effetti indesiderati, dal famoso peso superfluo a patologie piú gravi come disfunzioni tiroidee o diabete di tipo 2.

In a nutshell, Whole30 is a hormonal rehab program: our hormones are constantly kicked by a lot of sugars, complex carbohydrates, alcohol, etc., all elements that reduce their optimal functionality. It’s this the trigger for many collateral effects, from the famous overweight to more complex and serious conditions, like diabetes.

Whole30+Before+and+AfterEcco quindi che Melissa e Dallas Hartwig hanno ideato un piano alimentare che viene in nostro aiuto, chiedendo però di dedicarsi completamente al programma per 30 giorni. No cedimenti, no sgarri, no “Vabé ma un bicchiere di vino che male farà?”.

For this reason Melissa and Dallas Hartwig came up with the idea of an eating plan to help us, but they ask for our full commitment to the program for 30 days. No slips, no cheats, no “Well, it’s only one glass of wine!”

Se si sgarra, si ricomincia da capo, giorno 1 ancora una volta, non si puó barare con i nostri ormoni! Se volete scoprirne di più potete andare qui.

If you cheat, you need to start from the beginning, from the very first day: you can’t cheat on your hormones! If you want to know more visit their official website.

Solo 30 giorni per poter resettare gli ormoni, ribilanciare il ciclo dormi-veglia, ripulire il sangue da elementi indesiderati in eccesso, cambiare la propria relazione con il cibo e, quello che interessa a molte/i, far ripartire il metabolismo ad un ritmo ottimale e finalmente perdere i chili di troppo.

It’s only 30 days to reset your hormones, bring back the sleep cycle to balance, clean your blood from toxines, change your relationship with food and, what concerns more people, restart your metabolism and finally loose those 2 kilos extra that you got during Christmas holidays.

Tornando a noi, a Marzo 2015 ho deciso di testare la mia forza di volontà ed accettare la sfida. Quasi tutto bene se non che al giorno 28, durante un weekend con amici ho ceduto davanti ad un allettante bicchiere di vino. Big Fail!

Back to the point, in March 2015 I decided to test my strength and accept the challenge. Almost all good except the fact that on day 28th, during a weekend with friends, I gave up in front of a nice glass of wine. Big Fail!

11731648_10155799426270099_152854701339964837_o

Me and Anna during the Whole30 in June 2015

Sconfitta e un pò demoralizzata sono tornata a mangiare nel mio stile Primal, finché a fine Maggio 2015 la motivazione é tornata piú forte che mai. Durante tutto Giugno 2015, indipendentemente da viaggi, feste, uscite con gli amici e serate al pub ho completato per la prima volta con successo tutti e 30 i giorni e, anzi, sono arrivata a 48 senza rendermene conto!

Defeated and a bit sad I went back eating Primal style, until at the end of May 2015 my motivation came back stronger than ever. During all June 2015, despite all the trips, the parties, the nights out with friends and the evenings in the pub, I successfully completed my first Whole30…and I went on for 48 days!

É cosi che me ne sono completamente innamorata e,  oggi, sono al giorno 11 della mia terza Whole30. Quale detox migliore dopo gli stravizi natalizi? 🙂

This is how I fell in love with it and today I am at day 11 of my third Whole30. What better detox after Christmas? 🙂

Uno degli aspetti che ho trovato più interessanti è stata la serie di cambiamenti a livello di umore ed energie che ho avvertito nel mio corpo. Nelle prime 2 settimane si vive una sorta di crisi d’astinenza, per poi svegliarsi una mattina con energie illimitate, pelle e capelli gloriosamente luminosi e umore alle stelle. Questa è la mia motivazione, non ne avrò mai abbastanza di sentirmi così.

One of the things that I found more interesting is the series of changes that happen on mood and energies. In the first 2 weeks you live something similar to withdrawal symptoms, and then you wake up one day with boundless energies, skin and hair shining and and amazing mood. This is my motivation, I will never stop craving this feeling!

A questo punto la domanda sorge spontanea, “Perchè non seguire il programma per sempre?” e la risposta è: perchè siamo umani e non sarebbe sostenibile. Per quanto faccia bene eliminare certi alimenti dalla dieta ci sono occasioni in cui dobbiamo concederci qualche premio. Ma la bellezza di questo programma è che una volta finito ci si renderà conto di come un gelato non sia una cosa da dare per scontata ma qualcosa da gustarsi con gioia una domenica pomeriggio in spiaggia per poi tornare a scelte alimentari ottimali durante il resto della settimana.

At this point the question is “Why don’t we always eat this way?” and the answer is simple: because we are human and we couldn’t sustain a diet so strict forever. For how good it is to remove some elements from our diet, there are occasions when we need to treat ourselves. But the beauty of the Whole30 is also this, once you have completed the program you start understanding that eating an ice cream is a treat to enjoy on a Sunday afternoon at the beach and not a comfortable lifesaver when life gets though. You enjoy your prize because you deserved it and then you go back to your optimal healthy diet.

finished-whole30-header

Sembra chiaro che la mia esperienza con questo programma è molto positiva. E’ difficile, senza dubbio, rinunciare a praticamente tutto quello che sembra una colonna portante della nostra dieta, non lo posso negare. La prima volta è quasi normale fallire…

Quello che conta è cominciare con la giusta motivazione ed avendo le idee belle chiare in mente su quale sia l’obiettivo finale.

It’s pretty clear how my experience with the program is really positive. It’s hard, no doubts, to give up practically everything you were used to eat and it’s quite normal to have a slip and fail at the first attempt…

What makes the difference is the motivation you start with. 

This entry was posted in Healthy Eating and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to Challenge Yourself: Whole30

  1. Pingback: Whole30 as a Pescetarian? | WorkOut Your Way

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s